Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.ottoborghicostadeicedri.it/htdocs/administrator/components/com_sh404sef/sh404sef.class.php on line 421

Warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.ottoborghicostadeicedri.it/htdocs/administrator/components/com_sh404sef/sh404sef.class.php on line 421
Comune di Bonifati - Ottoborghi Costa dei Cedri

Tu sei qui:

 

Calendario Eventi

 ◄◄  ◄  ►►  ► 
AGOSTO 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Bonifati in foto

Come Raggiungere Bonifati

Bonifati

Comune di Bonifati

Cosa cercare...?

 

icon

LIDI BALNEARI

icon

DORMIRE

icon

MANGIARE

 

 

 

Cosa cercare...?

 

icon

LIDI BALNEARI

icon

DORMIRE

icon

MANGIARE

 

 

 

Bonifati

Area Comunale

Comune di BonifatiAltimetria: 425 m s.l.m.
Abitanti: Bonifatesi
Superficie: 33,71 kmq
Popolazione: 3.116 abitanti
Ubicazione: Alto Tirreno Cosentino
CAP: 87020 - Prefisso: 0982
Sito web: www.comune.bonifati.cs.it

Il paesino sorge nascosto tra i costoni delle valli interne che si percorrono provenendo dalla litoranea. I monti che lo circondano formano straordinari paesaggi vegetali dominati dagli ontani e dai castagni. Degradando verso la collina, vigneti ed uliveti e, più in giù, variopinti frutteti testimoniano il permanere delle attività contadine, sostentamento primario della popolazione locale. Un tempo fortificato da ben quattro torri di guardia, giù alla marina, il borgo si offre al turista con un bellissimo Palazzo-Castello (palazzo Aloe) magnificamente restaurato. Una cappella, un patio e delle luminosissime sale, il mare a due passi ne fanno il luogo ideale per coltivare le più lussuose fantasie.

Territorio

Il Territorio di Bonifati

Bonifati (CS)E’ un borgo agricolo, in posizione panoramica, già casale della baronia di Sangineto di cui seguì le sorti feudali fino a quando quest’ultima fu smembrata ed alienata (1605) per passare, alla metà del ‘700 ai Carafa, Principi di Belvedere. I monti che lo circondano formano straordinari paesaggi vegetali dominati dagli ontani e dai castagni. Degradando verso la collina, vigneti ed uliveti e, più in giù, variopinti frutteti testimoniano il permanere delle attività contadine, sostentamento primario della popolazione locale. Dalla costiera ai monti il territorio si apre al visitatore con il suo centro antico, probabile derivato dalle rovine dell’antica Hyele (villaggio fondato dai Greci nel V sec. a.C., durante l’espansione ellenica nel Mediterraneo). Bonifati si compone di tre “centri”: a nord, in posizione collinare, il centro storico; ad ovest una popolata frazione marina denominata Cittadella del Capo, a sud una minore frazione collinare denominata Torrevecchia. Il Centro Storico è situato a 400 m s.l.m., tra le vallate del Sangineto e del Bambagia. Ha un assetto urbanistico caratterizzato da palazzetti, case e chiese che si sviluppano attorno alla piazza principale (piazza Ferrante), attraverso vicoli lastricati. Nella parte alta del paesino, in cima al colle “Monticello”, sono ancora visibili i ruderi di un’antica fortificazione, composta da un corpo centrale e cinque torrioni. Dal lato del Bambagia è ben conservata l’antica e bella Chiesa del Rosario, meta di pellegrinaggio da parte di tantissimi emigrati all’estero e nel Nord Italia. La frazione di Cittadella del Capo, situata a 36 m.s.l.m., tra via IV Novembre e via Greco, a torto ritenuta meno antica di Bonifati, in realtà è sempre esistita come propaggine meridionale di Fella. E sopravvissuto intatto, infatti, il toponimo Greco per il rione omonimo, posto a picco (109 mt s.l.m.) fra il mare ed il Fiume S. Pietro. Attorno a quest’ultimo stati effettuati scavi archeologici le cui risultanze rimandano alla presenza (già in epoca arcaica) di una popolazione di pastori seminomadi brezio-greci. Il nucleo originario dell'abitato era quello costruito attorno alla via che partiva dalle campagne di Fella, passando per il Greco, via IV Novembre e che conduceva infine alla marina, sulla cui scogliera era ubicata un'altra fortezza intorno alla possente Torre Viceregnale detta, non a caso, di Fella). Soltanto nella seconda metà dell'Ottocento l'abitato si è sviluppato con la costruzione di palazzine alla marina e sulla via Nazionale e dei 3 Palazzi De Aloe. La Marineria del Greco e parte della via IV Novembre rappresentano i “luoghi simbolo” della vita quotidiana delle famiglie dei pescatori.

 

Accessibilità

Bonifati, CalabriaCon la linea ferroviaria a lunga percorrenza fino alla stazione di Belvedere Marittimo; poi si prosegue sulla SS18 direzione Sangineto-Bonifati. In autostrada A3 uscita Lagonegro Nord-Maratea per chi arriva da nord e uscita Falerna per chi arriva da sud. Con la strada statale SS585 e SS18 per chi arriva da nord e SS18 per chi arriva da sud.

Economia

L'economia di Bonifati

Litorale di BonifatiRimasto per secoli un semplice centro agricolo che annoverava la presenza, anche, di pescatori, il paese ha conosciuto uno sviluppo importante nel corso degli ultimi decenni grazie al fiorire dell'economia turistica lungo il litorale tirrenico.

Risorse

Risorse Naturalistiche

Bonifati (CS)Presenza di un significativo patrimonio naturalistico vegetazionale rappresentativo della macchia mediterranea, in particolare in prossimità della Torre del Capo.

 

Risorse Culturali

Castello di Bonifati√ Ruderi del Castello Medioevale: Il castello potenziato dai Normanni a difesa del territorio, fu distrutto dagli Angioini per impedire che venisse utilizzato dagli Aragonesi, allora guidati da Alfonso d'Aragona. La struttura originaria comprendeva cinque torrioni e un corpo centrale, ancora oggi visibili nei ruderi, tra i quali resiste il portale d'ingresso ad arco.

√ Antico sentiero Gradini San Vincenzo che collega il Greco con via IV Novembre: si tratta di un tratto della vecchia mulattiera e sentiero pedonale che da Torrevecchia-Cirimarco portava a mare. Resta miracolosamente intatto nella sua struttura di gradoni formati da pietre di mare sistemate sullo Scoglio.

√ Torri di Avvistamento furono costruite, tra il 1558 e il 1567, quattro torri costiere (del Telegrafo, del Capo, di Fella e Parise, a difesa delle continue incursioni piratesche:

  • Torre di Porta di Mare o Torre di porta malvitana, architettura cinquecentesca a pianta quadrangolare, (dove risulta ancora visibile il cordolo merlato) segna chiaramente il tratto della cinta muraria dell'antica Bonifati.
  • La Torre del Telegrafo è andata completamente distrutta nel terremoto del 1683, unici superstiti restano due blocchi di muratura Durante il secolo scorso furono ancora utilizzati i ruderi per la collocazione delle bandiere di segnalazione verso mare.
  • Torre del Capo del XV sec., recentemente acquistata e restaurata dal Comune, è di forma cilindrica. Nel 1852 fu adibita a telegrafo e durante la I e II guerra mondiale venne utilizzata dalla Marina Militare Italiana.
  • Torre di Fella è di età normanna (1112 - 1154) del periodo di Ruggero II. Al tempo della sua costruzione, probabilmente nel 1150, comprendeva un edificio adiacente destinato alle truppe militari. Tra il 1442 e il 1552 fu trasformata in castello da Fabrizio Brancia. Attuali proprietari sono la famiglia Goffredo che lo hanno destinato a struttura turistica. L'edificio dal 1984 è dichiarato monumento nazionale.
  • La Torre Parise del XVI sec., di forma quadrangolare, è situata in zona stazione a pochi metri dalla spiaggia, è stata acquistata dal Comune sul finire degli anni ottanta.

 

√ Chiesa del Calvario del XVI sec. (situata in P.zza Ferrante) che custodisce: il dipinto di Hendricks, una statua marmorea di Madonna con Bambino, l' affresco della crocefissione ed un tabernacolo in rame e smalto, opera entrambi delle Suore di Monte Veglio in Prov. di Bologna.

√ Santuario della Beata Vergine SS. del Rosario, un tempo annesso al Convento di S. Domenico, dell'ordine dei Padri Predicatori del XVI sec., la cui chiesa del Rosario è del 1580 - 1590. L'impianto architettonico esterno evidenzia il cupolone formato da tre corpi in muratura sovrapposti con la base e il secondo corpo di forma quadrata, chiude a forma ottagonale la cupola e la parte superiore. L'interno si compone di una lunga navata con la volta a botte, conclusa dall'arco di trionfo, l'altare rinascimentale, con ai lati le statue lignee di S. Domenico e S. Vincenzo opera di frate Gennaro, domenicano del XVIII secolo.

√ Chiesa della SS. Annunziata del XVII sec., con facciata in stile barocco a tre comparti, interno a tre navate. La chiesa dispone di un elegante tabernacolo in marmo bianco del 1600 di cui è autore lo scultore di Bonifati Vespasiano De Iacovo, un coro ligneo intagliato di frate Ignazio, un francescano di Bonifati del XVII sec., l'Annunciazione opera lignea del XVI sec. di ignoto, un crocifisso ligneo di dimensioni naturali del 1635 di padre Umile da Petralia Soprana (Prov. di Palermo), un' acquasantiera in marmo di Vespasiano De Iacovo del A.D. MDCXV.

 

Attrattori

Il Palazzo del Capo

Palazzo del Capo, Bonifati (CS)Il Palazzo del Capo è il monumento simbolo di Cittadella, raro esempio di buon restauro a fini produttivi-occupazionali; ha assunto la forma attuale a fine '800, ma dal primo medioevo sulla scogliera di Cittadella esisteva una struttura difensiva che nel 1500 si caratterizzò con la Torre viceregnale detta di Fella, in quanto le sue campane avvisavano nel pericolo turchesco gli abitanti del non lontano omonimo borgo. La Torre, ben restaurata dopo un rovinoso crollo, è visitabile e godibile. La fontana davanti al palazzo è l'unica opera rimasta a testimoniare l'antica arteria romana via Aquilia o Trayanea, che collegava Salerno a Reggio Calabria; fu costruita nel 99 a.C. dal Proconsole Romano Marco Aquilio e attualmente, dopo i lavori di sistemazione esterni al palazzo, la si può ammirare in tutta la sua antica bellezza. All'interno del palazzo si trova la Cappella gentilizia dei De Aloe, opportunamente restaurata.

Numeri utili

Numeri telefonici utili

 

Comune: 0982 93338

Polizia locale: 0982 971925

Carabinieri: 0982 95105

Guardia Medica: 0982 93120

ASP Bonifati: 0982 93120

Galleria Fotografica

Galleria Fotografica Ottoborghi

Galleria Video

Galleria Video Ottoborghi

Guida agli Itinerari

Itinerari